In Salento a luglio 2018

Ormai è trascorsa quasi una settimana dal nostro rientro da Torre Lapillo e sono pronta a raccontarvi come è andata.

cof
Mare e nuvole a Torre Lapillo

Avendo una bambina di non ancora tre anni, avevamo deciso di dedicare gran parte del tempo al mare, splendido in questo tratto di costa ionica, e di esplorare i dintorni mantenendoci nel raggio di una trentina di chilometri. Già mesi prima della partenza, avevo elaborato un itinerario che trovate pubblicato sulla pagina Facebook nella nota Salento (base a Torre Lapillo/Porto Cesareo) – Cosa vedere, fare e mangiare. Come spesso accade, il piano ha subito delle modifiche in corso d’opera pur senza grandi stravolgimenti.

Torre Lapillo

Torre Lapillo è un piccolo centro compreso nel Comune di Porto Cesareo. Ci era stato consigliato da alcuni conoscenti per la bellissima spiaggia e le acque cristalline e abbiamo deciso di ascoltarli; ebbene, non siamo rimasti delusi.

cof
Le acque cristalline di fronte alla spiaggia libera di Torre Lapillo

A Torre Lapillo in appartamento

L’appartamento è una soluzione che offre una notevole libertà e permette di contenere i costi. Abbiamo affittato da un privato un bilocale a tre minuti a piedi dalla spiaggia libera e a breve distanza dal corso principale, sul quale si trovano supermercati, bar e ristoranti. Muovendosi per tempo non dovrebbe essere difficile reperire ciò che più fa al caso vostro: io ho cominciato le ricerche a gennaio e a febbraio ho prenotato.

La spiaggia di Torre Lapillo

Abbiamo trascorso gran parte del nostro soggiorno sulla spiaggia libera di Torre Lapillo, caratterizzata da sabbia bianca e fine e affacciata su un mare da cartolina. Nonostante il gran numero di persone, una costante in questo periodo dell’anno, la spiaggia era piuttosto pulita e mia figlia si è divertita un mondo a giocare con paletta e secchiello e a sguazzare nell’acqua bassa.
Per chi non ama le spiagge libere o semplicemente vuole evitare di portarsi in giro ombrellone e sdraio, a Torre Lapillo esistono anche lidi privati a pagamento; ma non aspettatevi che siano deserti o con grandi spazi tra gli ombrelloni.

dav
Una domenica di luglio a Torre Lapillo

Gite fuori porta

Siamo arrivati in Salento il sabato sera intorno alle 18.00 e abbiamo capito immediatamente che, con due settimane a disposizione, sarebbe stato meglio evitare le località di mare nel weekend. Per questo motivo abbiamo concentrato visite culturali, esplorazione dell’entroterra e gite gastronomiche nei fine settimana.

dig
Passeggiando a Lecce

Abbiamo visitato la città di Lecce con il suo affascinante centro storico e passeggiato per i vicoli di Nardò e Galatina dove il tempo sembra essersi fermato. A Porto Cesareo siamo andati la sera per acquistare qualche souvenir e mi sono piaciute in particolar modo le piccole botteghe di artigianato locale.

dav
Castello di Nardò e un suo simpatico abitante

Avendo a due passi da casa un mare stupendo, abbiamo evitato di spostarci in altre spiagge che non avessero particolari attrattive, limitandoci a trascorrere una giornata a Punta Prosciutto, dove la sabbia bianchissima incontra una rigogliosa vegetazione. Ci sarebbe piaciuto vedere anche la baia di Porto Selvaggio, ma una volta sul posto e dopo una breve passeggiata nella pineta, abbiamo concluso che non fosse saggio procedere visto il terreno piuttosto impervio e la bimba piccola al seguito.

dav
Punta Prosciutto

Mangiare a Torre Lapillo e dintorni

Quando viaggio, soprattutto in Italia, amo frequentare i ristoranti tipici e provare i prodotti locali. Nei dintorni di Torre Lapillo troverete diverse masserie, che propongono una cucina genuina in location fiabesche immerse tra gli ulivi. Non perdetevele!

Per gli amanti del pesce c’è l’imbarazzo della scelta, sia nei ristoranti sia in alcune pescherie che offrono anche il servizio cucina, mentre i “carnivori” troveranno pane per i loro denti nelle numerose bracerie.

A breve pubblicherò un articolo specifico con le recensioni dei ristoranti in cui siamo stati.

Per concludere…

L’esperienza in Salento è stata senza dubbio positiva. La zona non è attrezzata a livello turistico come altre parti d’Italia, ma la cortesia delle persone ha compensato alcune carenze.

Le fotografie che trovate in questo articolo sono solo alcune tra quelle scattate durante le due settimane trascorse a Torre Lapillo ma sul mio account Instagram ne trovate altre.

Come sempre, per qualsiasi dettaglio potete contattarmi tramite Facebook o lasciando un commento qui sotto.

 

 

 

Annunci

Una risposta a "In Salento a luglio 2018"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...